NAVIGHI A 56k ?
Golfonetwork - IL PORTALE DEL GOLFO DI POLICASTRO (Salerno)

Golfonetwork su twitter Imposta Golfonetwork come pagina iniziale Aggiungi Golfonetwork ai preferiti Segnala Golfonetwork ad un amico o ad un'amica 
 Sei in: Home » news

 





Entra nella chat del Golfo www.villammare.it


Capitello: 30 Luglio «Festa del Mare»



Fare clic sull'immagine per ingrandire


Inserito da Golfonetwork martedì 27 luglio 2021 alle 13:39 commenti(0)  

Incidente stradale,Anas: ripristinata circolazione su SS517var Bussentina

CAMPANIA, ANAS: RIPRISTINATA LA CIRCOLAZIONE SULLA SS 517VAR “BUSSENTINA” IN PROVINCIA DI SALERNO
- precedentemente chiusa per incidente

Napoli, 27 luglio 2021 
A causa di un incidente, era stata temporaneamente interdetta al traffico la strada statale 517Var “Bussentina”, in entrambe le direzioni, all’altezza del km 7,400 a Morigerati in provincia di Salerno.
L’incidente ha causato il ferimento di una persona.
Sul posto sono intervenute le squadre Anas, il personale del 118 e le Forze dell'Ordine per la gestione dell'evento e per consentire il ripristino della viabilità.
Anas, società del Gruppo FS Italiane, ricorda che quando guidi, Guida e Basta! No distrazioni, no alcol, no droga per la tua sicurezza e quella degli altri.
(Anas)

Inserito da Golfonetwork martedì 27 luglio 2021 alle 13:24 commenti(0)  

Pasquale Scaldaferri: Alta velocità, i silenzi del governo
L'INTERVENTO
Alta velocità, i silenzi del governo
di Pasquale Scaldaferri

Non è dato sapere come mai una personalità di spicco che risponde al nome di Mario Draghi, di riconosciuto spessore internazionale, con grandi competenze economiche e giuridiche, apprezzato per il suo equilibrio e fair play istituzionale, dalla profonda vocazione europea e ampia visione strategica delle politiche comunitarie, sempre attento alle esigenze del territorio, prefigurato in una declinazione di Stato o di piccole comunità, non ha affrontato con piglio decisionista la querelle alta velocità, cagione di un incandescente casus belli nell'area meridionale della provincia di Salerno, crocevia di tre regioni.
Forse il presidente del Consiglio, chiamato dal capo dello Stato al capezzale del moribondo organo esecutivo per scongiurare la fine anticipata della legislatura -pur nel totale e integerrimo spirito di servizio- non avrebbe mai immaginato che il percorso ad ostacoli del suo gabinetto multicolor sarebbe stato costellato di asperità e perenni punture di spillo tra alleati, attenti più a piantare bandierine ideologiche, anziché elaborare una progettualità di sviluppo per il Paese.
E' l'unica attenuante che si può concedere al premier, occupato sovente a dirimere stucchevoli controversie tra il goliardico nipotino di Alberto da Giussano e l'eterno secondo -perdente di successo- costretto a tornare dall'aventino dorato di Parigi per farsi eleggere segretario dei democratici. Ma a Draghi va concessa un'ulteriore formula dubitativa, essendo altresì impegnato a rimuovere le incrostazioni di una gestione approssimativa e pasticciona della pandemia, auspice l'anodino ministro della Salute.
Altrimenti non si spiegherebbe la completa antinomìa tra pensieri, parole e azioni di una personalità di alto profilo che si è sempre contraddistinta nelle sue pregresse attività istituzionali per chiarezza di idee e robustezza di contenuti.
Ecco perché stavolta il professore Mario Draghi ci ha sorpresi dalla "non risposta" davanti allo studio circostanziato elaborato dal cassazionista Franco Maldonato.
Un carteggio che giace da settimane sulla scrivania di Palazzo Chigi, in cui si segnala una palese incongruenza contenuta nel progetto per la nuova linea alta velocità Salerno - Reggio Calabria, inserito nel "Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza" (tratta Battipaglia - Romagnano - Praia a Mare).
Tale opzione contrasta in maniera plateale con la scelta green rivendicata dal governo e prevede un inconsulto e irrazionale stravolgimento dell'ecosistema naturalistico-orografico del massiccio degli Alburni che per ospitare la nuova linea sarà interessato da un'attività di escavazione per gallerie pari a circa 18 milioni di metri cubi, come censito da Italferr (Gruppo Ferrovie dello Stato).
Le perplessità aumentano in modo esponenziale all'esito dell'escavazione, in cui sarà necessario provvedere ad un'imponente opera di "riqualificazione mediante sistemazione ambientale o rimodellamenti morfologici".
In sostanza, un territorio particolarmente complesso dal punto di vista orografico, ecco perché l'opzione progettuale contrasta in modo incontrovertibile con il principio della oculata gestione delle risorse finanziarie che ha sempre costituito ragione ispiratrice dell'operato di Mario Draghi, dapprima alla guida della direzione generale del Tesoro, successivamente a Bankitalia e infine alla Banca centrale europea.
Nel ribadire la rimeditazione del progetto prima che venga sottoposto all'esame dei competenti organi dell'Unione europea, la nuova opera porterebbe ad un risparmio di tempo esiguo sull'intero sviluppo della linea ferrata Salerno - Reggio Calabria, certamente non comparabile con il gravissimo danno all'ecosistema naturalistico-ambientale dell'area compresa tra gli Alburni e il Vallo di Diano, nel perimetro del Parco Nazionale.
Si potrebbe, viceversa, ripristinare la tratta Sicignano - Lagonegro sospesa (eufemismo burocratico delle Ferrovie) alla fine degli anni Ottanta del secolo scorso, ipotizzando una sorta di metropolitana leggera in grado di collegare il comprensorio del Vallo di Diano con la stazione di Salerno e la cintura della provincia.
Un disegno che snellirebbe anche il traffico su gomma dell'autostrada del Mediterraneo.
In attesa di un provvidenziale e definitivo intervento del presidente del Consiglio e un risveglio dalla catalessi in cui sono sprofondati i parlamentari e i consiglieri regionali eletti nel Cilento e Vallo di Diano.
(Pasquale Scaldaferri)


Il cassazionista Franco Maldonato


Pasquale Scaldaferri


Inserito da Golfonetwork domenica 25 luglio 2021 alle 20:57 commenti(2)  

Estate a Sapri 2021 - Programma Luglio-Agosto-Settembre



Fare clic sull'immagine per ingrandire

Inserito da Golfonetwork sabato 24 luglio 2021 alle 21:22 commenti(0)  

Comune di Vibonati: convocazione Consiglio Comunale



Fare clic sull'immagine per ingrandire



Inserito da Golfonetwork venerdì 23 luglio 2021 alle 21:10 commenti(0)  

Villammare: Sabato 24 Luglio «Proff. in Love... Beach»



Fare clic sull'immagine per ingrandire


Inserito da Golfonetwork venerdì 23 luglio 2021 alle 21:04 commenti(0)  

S.Giovanni a Piro,Gruppo Liberi di Scegliere: Le spese folli di Equinozio
Nelle scorse settimane l'Amministrazione di San Giovanni a Piro annunciava a furor di popolo la nuova edizione 2021 della rassegna stampa Equinozio d'Autunno denominata "Respiro".
Ad esibirsi nel piazzale del Porto di Scario lo scorso 16 luglio, Daniele Silvestri. Posto a sedere al costo di 10€.
Se da un lato la ripresa dei concerti dal vivo segna un ritorno alla "normalità" in particolare per un lembo di terra che vive anche e soprattutto di turismo, la pubblicazione della determina n°122 ha reso noti i termini economici dell'evento sulle casse comunali.
"E così nel prendere coscienza che un concerto nel NULLA di un'estate segnata dall'emergenza Covid - dichiara il consigliere d'opposizione Alberico Sorrentino - ci è costato € 59.260,00 (leggasi CINQUANTANOVEMILADUECENTOSESSANTA/00), siamo rimasti senza respiro.
Sono passati i tempi in cui gli attuali amministratori "strimpellavano" per le spesse folli di Equinozio d'Autunno.
Oggi tutto è consentito, persino chiedere i 10 euro per un posto a sedere".
Il concerto avrebbe dovuto rappresentare l'anteprima di una manifestazione programmatica tuttavia continua Sorrentino "la comunicazione mediatica dell'evento è stata così imponente che gli stessi residenti hanno appreso la notizia a poche ore dal concerto.
Ebbene, cari concittadini quando i nostri Amministratori illuminati vi diranno che:
NON CI SONO SOLDI PER LA PULIZIA DEI CENTRI STORICI COMPLETAMENTE ABBANDONATI;
NON CI SONO SOLDI PER COMPLETARE LA RETE FOGNARIA DI MEZZO PAESE;
NON CI SONO SOLDI PER RIPARARE LA BUCA O LA LAMPADINA;
NON CI SONO SOLDI PER LE IMPRESE IN DIFFICOLTA',
RICORDATE LORO CHE IL BIGLIETTO CI è COSTATO € 59.260,00 DI SOLDI NOSTRI!"
San Giovanni a Piro, 23 luglio 2021
(Avv. Alberico Sorrentino - Gruppo Consiliare "Liberi di Scegliere")

- Determina n.122 (Fare clic qui per leggere)



Inserito da Golfonetwork venerdì 23 luglio 2021 alle 20:59 commenti(0)  

Covid-19 e vaccini: disservizio per una cittadina saprese

Grave disservizio nell'erogazione dei vaccini
PERSONE TRATTATE COME COSE

Martedì accompagnai una mia amica a Policastro per farsi inoculare la seconda dose del vaccino anti Covid-19 Astrazeneca.
Non c'era nessuno a vaccinare o farsi vaccinare e inutili sono state le mie telefonate al centralino dell' ospedale per avere spiegazioni, poiché il centralinista non riusciva a contattare nessuno che potesse delucidarci in merito.
Infine in una via secondaria che costeggiava il Tempio del popolo abbiamo letto uno striminzito avviso che informava che, essendo terminati i vaccini, ci si doveva presentare oggi alle ore 15 all' Auditorium di Sapri, cosa che la mia amica ha fatto ricevendo il numero di fila 114 e l'assicurazione che sarebbe stata vaccinata.
Ora le hanno detto che per scarsità di vaccini saranno vaccinati solo coloro che hanno fatto la prima dose a Sapri: scompaiono nel nulla coloro che martedì dovevano ricevere la seconda dose a Policastro.
Inutilmente ho chiamato prima i Carabinieri che mi hanno dirottato verso l' ospedale dove questa volta non rispondeva neanche il centralinista. Quando finalmente mi ha risposto, ha detto sconfortato che non riusciva a rintracciare nessuno degli impiegati che chiamava.
Vi scrivo dunque per informare dell' incresciosa situazione che persevera con la complice inerzia di chi dovrebbe provvedere a che queste cose non accadano.
La mia amica, che per due volte ha preso inutile permesso al lavoro, è propensa a non vaccinarsi più , e' semplicemente ESASPERATA.
E' una cittadina saprese e gia' le costo' sacrificio e tempo recarsi all' open Day di Policastro per farsi la prima dose.
Nessun rispetto per i cittadini che avrebbero il diritto di essere tempestivamente e correttamente informati, non trattati come zimbelli.
Poi ci preoccupiamo dell'Alta Velocita'...
(Lia Amato)


Inserito da Golfonetwork venerdì 23 luglio 2021 alle 20:41 commenti(0)  

Sapri: Sabato 24 luglio «La bella estate dei libri»
Sabato 24 luglio alle ore 19.30 presso la terrazza della Biblioteca Comunale “Mercadante” sita in via Flavio Gioia in Sapri, si terrà un incontro organizzato dall’Associazione Culturale Proudhon in sinergia con l’Assessorato alla cultura del Comune di Sapri, all’incontro sarà presente Donata Maria Biase autrice del romanzo “Giallo Narciso” edito per i tipi delle edizioni Cairo. Dopo i saluti da parte del presidente dell’Associazione Culturale Proudhon Vincenzo Folgieri, dialogherà con l’autrice Gianfrancesco Caputo saggista e portavoce dell’associazione.
Lorella e` una donna indipendente e volitiva, un ingegnere di talento che un giorno, grazie a una serie di fortuite coincidenze, lascia il suo prestigioso ufficio in citta`, per trasferire l'attivita` nel piccolo centro di Bellalba, dove ha acquistato una casetta sul mare. La drastica fine della relazione con Valerio, un uomo subdolo che l'ha psicologicamente tormentata per tre anni, l'ha ridotta a pezzi. Prova solo angoscia e sfiducia nei confronti del genere maschile. Ma in quel momento così buio, durante un viaggio occasionale in treno, si ritrova tra le mani il diario di una giovane donna dagli occhi verdi, Elisa, che racconta alla madre scomparsa la storia d'amore che sta vivendo con il brillante giornalista Vittorio. E giorno dopo giorno, pagina dopo pagina, quella lettura sempre più intensa e coinvolgente diventa per lei l'occasione per affrontare i suoi fantasmi. Nelle parole della dolce e fragile Elisa, Lorella rivede se stessa, e soprattutto rivive tutte le fasi della sua relazione con Valerio, dai primi mesi estasianti, che la illudono di aver finalmente trovato l'uomo perfetto, al triste epilogo. Sarà l'inizio di un'avventura in cui c'è più di un cuore da salvare, più di un'anima spezzata da sanare da un amore tossico che forse amore non è.
Donata Maria Biase è nata a Filiano, in provincia di Potenza, e cresciuta a Salerno, dove la sua famiglia si è trasferita quando lei aveva dieci anni. Laureatasi in Giurisprudenza, a ventotto anni, supera il concorso notarile e quello di assistente universitaria, ma rinuncia a quest'ultimo incarico per dedicarsi completamente al notariato. Dopo una lunga carriera professionale, decide di trasferire il suo studio dal centro di Salerno a Pisciotta, un tranquillo borgo cilentano, ritagliandosi più tempo per coltivare la sua passione per la scrittura. Giallo narciso è il suo primo romanzo.
(Associazione Culturale Proudhon Golfo di Policastro)



Fare clic sull'immagine per ingrandire


Inserito da Golfonetwork venerdì 23 luglio 2021 alle 12:53 commenti(0)  

Villammare: 23 Luglio inaugurazione panchina gialla dedicata a Giulio Regeni
Una panchina gialla, dedicata a Giulio Regeni, ricercatore italiano barbaramente ucciso in Egitto. La panchina, posizionata nel centro cittadino di Villammare, è un simbolo per tenere alta l'attenzione sul rispetto dei diritti umani e per sottolineare il ruolo che le comunità locali devono svolgere nel processo di affermazione dei principi costituzionali. Dopo essere approdata in diverse città italiane sarà inaugurata anche a Villammare, il 23 luglio alle 19.00, nella piazzetta sugli scogli.
"Il Comune di Vibonati, su proposta del Segretario regionale di Cittadinanzattiva Campania, Lorenzo Latella, ha anche attribuito la Cittadinanza onoraria a Patrick Zaki che verrà ufficializzata nella stessa cerimonia di posizionamento della panchina gialla affinché non si abbassi la guardia nei confronti dei diritti umani e di tutti i prigionieri di coscienza incarcerati ingiustamente in ogni parte del mondo", spiegano dal Comune. "Attraverso questa iniziativa, infatti, si ricordano le storie di Regeni, dottorando italiano dell'Università di Cambridge rapito al Cairo, in Egitto, nel gennaio del 2016 e ritrovato senza vita, dopo essere stato torturato, il 3 febbraio successivo, e di Zaki, studente egiziano a Bologna attualmente detenuto ingiustamente sempre in Egitto".
All'inaugurazione della panchina, che avrà luogo il 23 luglio alle ore 19.00 a Villammare, interverranno il Sindaco di Vibonati, On. Franco Brusco e il Segretario di Cittadinanzattiva Campania Lorenzo Latella.
(Comune di Vibonati)



Fare clic sull'immagine per ingrandire

Inserito da Golfonetwork giovedì 22 luglio 2021 alle 13:42 commenti(0)  

© Riproduzione riservata

Vedi le altre news
Archivio news 2013-2014
Archivio news 2011-2012
Archivio news 2008-2011
Archivio news 2002-2008


© 2021 Golfonetwork
Per non darvi mai meno del massimo.
Chi Siamo Privacy policy Segnala Golfonetwork.it ad un tuo amico/amica