NAVIGHI A 56k ?
Golfonetwork - IL PORTALE DEL GOLFO DI POLICASTRO (Salerno)

Golfonetwork su twitter Imposta Golfonetwork come pagina iniziale Aggiungi Golfonetwork ai preferiti Segnala Golfonetwork ad un amico o ad un'amica 
 Sei in: Home » comunicati

 






Meteo: in arrivo piogge e temporali sul territorio della Campania

Napoli- La Protezione Civile della Regione Campania ha diffuso un avviso di allerta meteo con criticità idrogeologica di colore Giallo per piogge e temporali valevole dalle ore 12 di domani, domenica 18 aprile, fino alle ore 12 di lunedì 19 aprile 2021. Su tutto il territorio regionale, ad esclusione dell’Alta Irpinia e Sannio e del Tanagro, si prevedono locali rovesci e temporali che, in alcuni punti, potrebbero essere anche intensi. Le precipitazioni saranno accompagnate da raffiche di vento. Sono possibili, inoltre, fulmini e grandine. I fenomeni temporaleschi saranno caratterizzati da rapidità di evoluzione.
(Protezione Civile Campania)


Inserito da Golfonetwork sabato 17 aprile 2021 alle 20:04 commenti(0) -

Notizie Flash (17/4/2021)

Battipaglia- Aggredito Vigile Urbano dopo una multa.

Calcio- Serie B: Salernitana-Venezia 2-1

Napoli- Sparatoria in strada (quartiere Barra): ferita una donna.

San Nicola Arcella (Cs)- Pregiudicato rumeno di 40 anni (F.B.) evade dai domiciliari: arrestato dai Carabinieri.


Inserito da Golfonetwork sabato 17 aprile 2021 alle 19:59 commenti(0) -

Nuovo centro vaccinale a Matierno, segnaletica flop e caos

Nuovo centro vaccinale a Matierno, segnaletica flop e caos: la denuncia di Gigi Vicinanza (Filp Cisal)
Caos al nuovo centro vaccinale di Salerno, nel quartiere Matierno. A denunciare il caso è Gigi Vicinanza, sindacalista della Filp Cisal Salerno.
"Ho ricevuto alcune foto dalla presidente dell'associazione HELP Tutela e Sostegno dei Consumatori, Nadia Bassano, e rappresentano l'emblema della politica che gioca ad improvvisare. Innanzitutto, c'è una grave lacuna nella segnaletica che porta al nuovo hub vaccinale del Centro Polifunzionale di Matierno. Infatti già sulla strada principale della frazione collinare di Salerno, precisamente in via degli Etruschi, inizia il caos di auto, che non sanno dove dirigersi per arrivare in viale Bottiglieri. Le indicazioni ci sono, ma cominciano a metà, con gli automobilisti costretti a fermarsi all'inizio delle prime attività commerciali per chiedere informazioni ai passanti. Così il traffico si paralizza, bloccando un intero quartiere. Ma, la principale problematica, è la mancanza di posti auto. Esiste un parcheggio, realizzato proprio in virtù del nuovo edificio che oggi ospita il centro vaccinale; tuttavia, la segnaletica non lo evidenzia, anche perché la parte nuova dell'area di sosta è ancora chiusa. In questa parte del parcheggio vi è addirittura una scala di collegamento che porterebbe direttamente all'ingresso dell'hub, agevolando residenti e vaccinandi, ma risulta ancora inspiegabilmente chiusa a diversi giorni dall'inaugurazione. Per concludere, a fare la fila all'esterno del centro vaccinale, ci sono centinaia di persone, la maggior parte anziane, che oltre a subire questi disagi, si ritrovano a dover aspettare per ore il proprio turno. Non bastano le rassicurazioni di chi parla di provvedimenti imminenti per limitare i disagi. Chi ha pensato ai locali di Matierno per il nuovo centro vaccinale, doveva giocare d'anticipo sulla logistica, ma purtroppo questa amministrazione comunale ci ha insegnato che sulla sicurezza lascia molto a desiderare".
(Cisal Salerno)




Inserito da Golfonetwork sabato 17 aprile 2021 alle 12:57 commenti(0) -

Notizie Flash (16/4/2021)

Attualità- Nuove norme restrittive Covid-19: dal 26 aprile 2021 tornano le ZONE GIALLE in Italia.

Lauria (Pz)- Arrestati mercoledì pomeriggio dai Carabinieri, in flagranza di reato, due cittadini di origini georgiane di 27 e 19 anni e residenti in Campania: avevano rubato un computer da un centro commerciale. Dopo perquisizione veicolare, i militari hanno scoperto che i due ladri avevano rubato il pomeriggio precedente altri due computer in un altro esercizio commerciale di Sapri.

Vallo di Diano- Confindustria Vallo di Diano: eletta coordinatrice Annamaria Curcio.

Castelnuovo Cilento- Impianto abusivo di demolizione veicoli: divieto di dimora nel comune di Castelnuovo Cilento di un pregiudicato cinquantenne.

Vietri sul Mare- Truffe online: malfattori scoperti e denunciati dai Carabinieri di Vietri sul Mare.

Sanza- Covid-19: casi positivi attuali 39.

Attualità- Nuove norme restrittive Covid-19: la Regione Campania da lunedì 19 aprile 2021 passa in ZONA ARANCIONE.

Napoli- Approvate dalla Regione Campania le linee guida SUAP (Sportello Attività Produttive).


Inserito da Golfonetwork venerdì 16 aprile 2021 alle 19:30 commenti(0) -

Sicurezza a Nocera Superiore: comunicato stampa Raffaella Ferrentino

SICUREZZA A NOCERA SUPERIORE, RAFFAELLA FERRENTINO (LEGALITA’ E TRASPARENZA) CHIEDE UN RIFERIMENTO FISSO DI PRESIDIO DEI CARABINIERI
All’indomani della perdita della stazione dei carabinieri di Nocera Superiore era stata garantita almeno una stazione mobile in città, attiva tutti i giorni feriali dalle 8 alle ore 13.30 in piazzetta E. Filauro, nei pressi della caserma da poco dismessa.
A causa dell’aumento di casi di furti e violenza, l’associazione Legalità e Trasparenza chiedeva un potenziamento delle forze dell’ordine sul territorio per garantire, oltre la sicurezza pubblica, anche la possibilità di ricevere ed usufruire di tutti i servizi per la cittadinanza, come la presentazione di denunce.
A distanza di qualche mese, però, nonostante il grido di allarme di tanti cittadini, si è registrato la riduzione della presenza dell’Arma a soli tre giorni settimanali, impedendo in tal modo un pronto intervento e sicurezza sul territorio
"La cosa è davvero preoccupante", dichiara l’avvocato Raffaella Ferrentino, presidente dell’Associazione Legalità e Trasparenza, "perché i cittadini si vedono sottrarre la presenza dei carabinieri per la loro tutela e sicurezza. Chi ha bisogno di recarsi negli uffici della stazione, purtroppo, deve raggiungere, con grosse difficoltà per le fasce deboli, la caserma di via Correale, a Nocera Inferiore. Nulla ancora si sa, al momento, della ventilata fine dei lavori per la nuova caserma di Nocera Superiore. Ad oggi, solo proclami. Viviamo con la pandemia situazioni davvero drammatiche e la mancanza di un presidio di riferimento ha catapultato la nostra città in una regressione irrefrenabile. Invitiamo le istituzioni preposte a ripristinare almeno quel lumicino di presenza dei carabinieri sul territorio".
(Ufficio stampa Raffaella Ferrentino)



Inserito da Golfonetwork venerdì 16 aprile 2021 alle 19:14 commenti(0) -

Salerno: il Palazzo dell´ex Tribunale

E' partita una specie di concorso di idee su come utilizzare gli spazi del palazzo dell'ex Tribunale di Salerno che insiste tra i corsi V. Emanuele e Garibaldi con due autonomi ingressi.
Come spesso accade in questi casi, più che di "idee" in senso letterale, si tratta di "fantasie" perché non sono sorrette da ragionamenti che indicano i passaggi logici che portano a determinate conclusioni.
In realtà, le fantasie non sono proprio correlate a negatività, anzi.
E poiché qui si parla di città e di fantasia il pensiero non può che correre verso l'opera di Tommaso Campanella: "LA CITTÀ DEL SOLE", opera ritenuta celebrazione dell'utopia.
Proprio questa parola che viene adoperata per rappresentare la speranza di qualcosa di buono in cui tutto funzioni alla perfezione, deriva dal greco οὐ (“non”) e τόπος (“luogo”) e significa "non-luogo". Una specie di controsenso se si parla di urbanistica che dovrebbe produrre luoghi vivibili e sostenibili sotto diversi profili.

Parlando di utopia, inoltre, non può, non farsi riferimento all'altro filosofo, Tommaso Moro che scrisse qualche anno prima di Campanella il famoso "UTOPIA", nel quale, per un gioco di parole con l'omofono inglese "eutopia", derivato dal greco εὖ (“buono” o “bene”) e τόπος ("luogo"), che significa quindi "buon luogo" ha applicato un significato positivo a questo termine.

Questo, dovuto all'identica pronuncia, in inglese, di "utopia" e "eutopia"; dà quindi origine ad un doppio significato: utopia (nessun luogo), eutopia (buon luogo).
L'utopia sarebbe dunque un luogo buono/bello ma parimenti inesistente, o per lo meno irraggiungibile.
E allora, su questo argomento vorrei dare un mio contributo, senza tradire la premessa da cui sono partito; e perciò un contributo "argomentato".
Ci sono, secondo me, tre criteri che orientano la scelta, e, per noi, a Salerno, anche un quarto criterio tutto locale.

Il primo criterio è quello politico.
Questo criterio si basa sulla scelta che l'amministrazione di una determinata città fa del destino del proprio territorio.
Una politica attenta, perciò, deve innanzitutto decidere che "vocazione" ha la città e, quindi, realizzare le scelte consequenziali.
Per intenderci, una amministrazione che intravedesse una vocazione industriale della propria città, dovrebbe prevedere la realizzazione di strade larghe per il transito di autoarticolati, ottimi e plurimi collegamenti con la ferrovia, e tutto quanto utile a sviluppare la vocazione individuata.
E allora, se la vocazione di Salerno, si è finalmente capito essere quella di polo turistico, in quel luogo e in quell'enorme volume non può che prevedersi un polo museale.
Una città collocata tra Paestum e Pompei, tra i due tra più importanti siti archeologici del mondo, non può non essere dotata di un museo di arte e archeologia greca e romana all'altezza.
Salerno, cioè, deve potersi candidare a essere la capitale delle gite scolastiche di tutta Europa (magari che arrivano in aereo a Pontecagnano) e tappa obbligata di tutte le crociere nel Mediterraneo.
Nessun posto può vantare la possibilità di poter visionare a pochi chilometri di distanza, due realtà archeologiche del calibro di quelle indicate.
Ci saranno posti in cui si potrà sicuramente visitare un sito della Grecia antica o della Roma imperiale, ma non ci saranno molti luoghi in cui si può fare l'accoppiata come da noi.
E che dire, poi del Medio Evo periodo storico di straordinaria importanza per questa città che ha un Duomo che è stato sede papale come solo altre due chiese al mondo: San Pietro a Roma e la cattedrale di Avignone.
Ma, poi, in considerazione del volume dell'edificio veramente imponente, non è detto che il "museo di archeologia greco romana" non possa coesistere con altre iniziative.
E' il caso, ad esempio, di un grande centro congressi capace di portare in città l'Università che, per dove è ubicata, non pare essere di Salerno.
I convegni, le conferenze, i congressi che si organizzano nell'Ateneo non sono vissuti dai salernitani perché rimangono fuori città ad appannaggio dei soli addetti ai lavori.
Questi eventi, invece, collocati in una sede di prestigio nel centro della città a pochi metri dalla stazione ferroviaria, diventerebbero una grande occasione di crescita culturale di tutta la città che si vedrebbe coinvolta in eventi di sicura importanza.
L'università arricchisce le città in cui sono collocate perché la circolazione di cervelli che comporta non può che giovare all'intero territorio.
Padova, Siena, Urbino, Pisa ma anche Napoli, Roma, Milano hanno le sedi delle loro accademie in pieno tessuto urbano; c'è un continuo "contagio" tra l'Accademia e il popolo che a Salerno manca per la scelta che all'epoca fu fatta e sulla quale non si può tornare indietro.
E' chiaro, però, che la riuscita di una simile trasformazione andrebbe gestita con attenzione e soprattutto andrebbe affidata a persone capaci di realizzare il progetto.
Una idea senza persone capaci di attuarla non ha alcun senso!
Qui, perciò la questione si inizia a complicare perché la scelta della persona deve necessariamente andare in una direzione opposta a quella della raccomandazione o, peggio, del gradimento politico, del vassallaggio per tornare al Medio Evo cittadino.
Qui torna allora l'utopia di Campanella che costruisce la sua opera ispirandosi al concetto di società Tradizionale che si basa sulla libertà e la giustizia nel rispetto dei ruoli che i singoli individui ricoprono in tale ambito.
Il valore del singolo, infatti, non è legato a ciò che individualmente rappresenta in questa società, ma alla sua espressione spirituale ed esistenziale in quanto uomo.
Il pensiero di Campanella è in antitesi con la religione e la politica del suo tempo e paradossalmente con quella del nostro di tempo.
Campanella con la sua opera si pone contro la politica che ha subito una caduta ed un degrado, e si pone in contrasto con le istituzioni corrotte, mezzo per perpetuare gli interessi di pochi e non per quelli della comunità.
Campanella è sostenitore del leggero vento di rinnovamento che iniziava a farsi avanti nel Seicento italiano ed era un sognatore, un utopista come è necessario che ce ne siano sempre anche se inascoltati.
Gabriel Zuchtriegel è l'esempio più calzante per comprendere questo mio concetto.
Questa persona è stata scelta per le sue capacità senza neanche essere nelle liste elettorali di Salerno o di Capaccio e ha portato il sito archeologico di Paestum a livelli di conoscenza e produttività mai conquistati in precedenza.
Ora è a Pompei per dirigere quell'altra area archeologica e mietere nuovi successi.
Dopo la scelta della persona ci vuole un successivo passaggio e cioè stabilire che l'operazione deve essere fatta da privati.
Il compito dell'amministrazione della città è quello di scegliere le varie operazioni, di decidere, poi l'attuazione della scelta e della decisione va fatta da parte del privato che ha tempi, qualità ed economie diversi e più efficaci dell'Ente Pubblico.
Nulla vieta questa soluzione: destinazione pubblica di un'opera non significa gestione pubblica della stessa. E' possibile, ed anzi auspicabile, che la destinazione pubblica avvenga attraverso una gestione privata. Questo è il futuro delle amministrazioni.
In fin dei conti per meglio comprendere questo ragionamento basta guardare i diversi risultati della Marina d'Arechi e del Teatro Ghirelli.
La prima gestita e realizzata da privati è una realtà in continua crescita e sviluppo capace di creare ricchezza per la città; la seconda è chiusa e non funziona nonostante le potenzialità enormi dell'area sulla quale sorge.
E ancora il castello Baronale di Torraca di proprietà e gestito dal Comune dopo un restauro (sarebbe più corretto dire ristrutturazione vista la qualità scarsa dell'intervento) costato milioni di euro che è desolatamente chiuso e non è in grado di sviluppare economia per il paese e questo a prescindere dal COVID 19.

Il secondo criterio è quello tecnico, quello, per intenderci in cui la scelta e la valutazione viene fatta  dagli addetti ai lavori, dagli urbanisti.
In quel posto, perciò, da decenni luogo destinato a uffici e in particolare uffici giudiziari, il c.d. "carico urbanistico" non sarebbe alterato o modificato da trasformazioni di uso del volume.
Se si decidesse di trasformare l'edificio in residenze ci sarebbe una trasformazione drammatica del sito perché aumenterebbe a dismisura la popolazione residenziale della zona non sorretta da adeguati e proporzionati standard.
E allora perché non pensare ad un polo di uffici giudiziari?
Il TAR, il Tribunale per i Minorenni, gli uffici UEPE, gli uffici dell'UNEP, il Giudice di Pace, le commissioni tributarie di primo e secondo grado, otterrebbero una loro collocazione razionale, comoda e funzionale a differenza delle attuali sedi impraticabili in pieno centro storico senza zone per parcheggio e senza collegamenti con mezzi pubblici.
La collocazione di uffici giudiziari, ma anche del polo museale andrebbe poi a salvare anche tutte le attività commerciali che per decenni sono fiorite in quella zona e che oggi rischiano di dover chiudere nella mutata situazione urbanistica.

Questi due criteri, ovviamente sono intimamente collegati tra di loro; l'unica differenza consiste nel ruolo di propulsore e di esecutore che può invertirsi, nel senso che se a decidere saranno i tecnici, i politici diventeranno gli esecutori del loro progetto attraverso l'adozione degli atti di attuazione; invece, se propulsori saranno i politici, i tecnici diventeranno gli esecutori della loro volontà trasformando l'idea di indirizzo in progetti tecnici esecutivi.

Il terzo e il quarto criterio sono anch'essi intimamente collegati tra di loro e, invece che riguardare aspetti razionali delle decisioni, riguardano aspetti sentimentali e come tali irrazionali. Ma non sono sogni nel senso innanzi individuato.
I sentimentali potrebbero essere propensi alla soluzione del polo giudiziario per poter chiamare ancora come i nonni e i bisnonni, quel palazzo "u' Tribunale".
Forse questo sarebbe il più democratico dei criteri, ma anche il meno affidabile.

Il quarto criterio, invece, quello solo ed esclusivo di Salerno, è il criterio che definirei "anti De Luca".
Esiste in questa città una sorte di modo di pensare che porta ad avversare qualsiasi cosa sia proposta, e anche solo pensata dal nostro attuale Governatore.
Come dire: "piace a De Luca? Lo vuole De Luca? E allora no! A prescindere".
Io penso addirittura che esistano persone che, dopo aver pensato ad una certa soluzione per quel palazzo, siano capaci di rinnegare tutto solo se De Luca si trovasse in sintonia con la loro soluzione.
Anche qui si tratta di un criterio non razionale ma sentimentale perché l'odio rientra tra i sentimenti. Sentimento nefasto, improduttivo che non è rivolta ma risentimento.
E mentre la rivolta è un fatto positivo perché attraverso essa si vuole affermare ciò che si è, il risentimento è negativo perché è sempre verso se stessi e mira ad affermare e ribellarsi per ciò che non si ha e non si è capaci di avere.
A questo punto non ci resta che concludere con la solita e ricorrente frase: "chi vivrà vedrà"!
(Giovanni Falci)


Avv. Giovanni Falci


Inserito da Golfonetwork venerdì 16 aprile 2021 alle 18:17 commenti(0) -

A Nocera Superiore continuano i lavori dell´Alternativa alla SS 18

La Provincia di Salerno prosegue i lavori nel Comune di Nocera Superiore, nell'ambito della realizzazione della Strada Alternativa alla SS 18 nell'Agro Nocerino Sarnese.
“Abbiamo iniziato stamattina – afferma il Presidente della Provincia Michele Strianese - i lavori di messa in sicurezza di via Portaromana che riguarderanno la rettifica dei marciapiedi del tratto iniziale, la costruzione di un tratto di marciapiede, il rifacimento della pavimentazione stradale completa di segnaletica e della zanella per la raccolta e lo smaltimento delle acque stradali.
L’intervento è coordinato dal settore Viabilità e Trasporti, diretto da Domenico Ranesi, supportato dal Consigliere provinciale delegato alla Viabilità Antonio Rescigno. Ogni cantiere aperto, non solo permette la messa in sicurezza di tutta la nostra rete viaria, ma promuove anche sviluppo e occupazione nei nostri territori, in un momento particolarmente delicato come questo.”
(Maria Rosaria Greco)


Inserito da Golfonetwork venerdì 16 aprile 2021 alle 17:49 commenti(0) -

Ambiente: comunicato stampa Provincia di Salerno

Ambiente. Strianese su Grande Progetto e sui lavori di collegamento dei reflui da Cetara a Salerno

Il Presidente della Provincia di Salerno, Michele Strianese, stamattina ha fatto un sopralluogo al cantiere di via Porto in cui sono in corso i lavori di collegamento dei reflui urbani del Comune di Cetara all’Impianto di Depurazione di Salerno. Si tratta del comparto 6bis del Grande Progetto che interessa tutta la provincia per il “Risanamento ambientale dei corpi idrici superficiali della provincia di Salerno”.
“I lavori di via Porto e via Ligea – dichiara il Presidente Michele Strianese – proseguono e sono a buon punto. Entro giugno contiamo di completare. Tutto l’intervento del Grande Progetto ci permette di migliorare la salubrità e qualità dell’ambiente, con immediati riscontri sulla balneabilità delle coste. La nostra è una provincia a forte vocazione turistica e il risanamento ambientale va a favorire i flussi turistici che, soprattutto in questo momento storico, sono fondamentali per creare sviluppo e occupazione. Importantissimo quindi rilanciare il turismo e la valorizzazione delle nostre coste, del nostro mare.
Stamattina ho voluto fare un sopralluogo al cantiere di via Porto per capire i tempi di completamento, tutto procede regolarmente e entro l’estate terminiamo. Su questo Comparto e sugli altri, tra cui quello di Maiori, ho rilasciato un’intervista al giornalista RAI Enzo Ragone che viene messa in onda nell’edizione del TG Campania delle 14.00.
Soprattutto sul depuratore di Maiori infatti ho spiegato che tutto procede regolarmente. Lo stesso vale per i lavori in corso a Conca dei Marini, che non si sono mai fermati e ora sono in completamento. Quindi il cantiere non è stato mai abbandonato e, anzi, prevediamo di finire i lavori, anche lì, entro giugno. Voglio precisare inoltre che, fin dall’inizio, l’impianto di Conca dei Marini non raccoglie i reflui di Atrani, Castiglione, Ravello e Scala, previsti invece su Marmorata. I progetti iniziali non sono mai stati modificati, tranne piccole migliorie apportate dai nostri tecnici, e proseguono regolarmente come da programma.
Ma queste sono tutte informazioni facilmente reperibili presso il settore Ambiente dell’Ente, diretto da Angelo Cavaliere, che coordina i lavori. Ancora una volta ringrazio la Regione Campania, in particolare il Presidente On. Vincenzo De Luca che, attraverso i finanziamenti regionali, ci permette con il “Grande Progetto di Risanamento ambientale dei corpi idrici superficiali della provincia di Salerno” di realizzare una fondamentale opera di depurazione del nostro mare.”
(Maria Rosaria Greco)





Inserito da Golfonetwork venerdì 16 aprile 2021 alle 17:22 commenti(0) -

Sport: A2, domani la Genea Lanzara affronta l´Alcamo

A2, domani la Genea Lanzara affronta l'Alcamo. Gli under 19 fanno tre su tre
Prosegue il tour de force della Genea Lanzara. Dopo l’ impegno esterno di martedì con la compagine Under 19, i salernitani di coach Nikola Manojlovic nel giro di pochi giorni saranno chiamati ad affrontare altre tre sfide, tutte in programma alla Palestra Caporale Palumbo: ospiti dei rossoblu saranno l’Alcamo (domani 17 Aprile, A2), il Gaeta (domenica 18 Aprile, U19) ed il Benevento (martedì 20 Aprile, A2).
I salernitani, insomma, dovranno essere bravi a gestire forza ed energia e cercare di far valere il fattore campo nei tre prossimi appuntamenti. Si partirà, come detto, dalla sfida di domani contro Alcamo, con la formazione sicula che arriverà a Salerno con il coltello tra i denti per agguantare a tutti i costi un successo che consentirebbe loro di avere ancora speranze di salvezza. Una sconfitta per la compagine allenata da Randes comprometterebbe seriamente la permanenza nel campionato di A2.
Coach Manojlovic è consapevole che, rispetto alla gara di andata, l’ Alcamo si presenterà ancor più agguerrito, di conseguenza sta preparando minuziosamente i suoi per ottenere il massimo nell’ intero arco dei sessanta minuti di gioco e trovare altri due punti utili per la classifica.
Nel mentre, è ritornata in campo la compagine Under 19 nel campionato Youth League di categoria dove, in pratica, sono impegnati gli stessi giovanissimi ragazzi che compongono la rosa dell’ A2, eccezion fatta per qualche giocatore. I salernitani hanno espugnato il campo della Pallamano Benevento col punteggio finale di 26-32, ottenendo il terzo successo su altrettanti incontri e Domenica ospiteranno il Gaeta nell’ ultima gara del girone di andata.
A segno per i salernitani: Manojlovic 9 reti, Fiorillo (8), Senatore Mattia (6), Bellini (5), Avallone e Vitiello (2).
Tornando alla Serie A2, il match tra Genea Lanzara ed Alcamo, in programma Sabato 17 Aprile alle ore 18:30, sarà diretto dalla coppia arbitrale De Marco – Carcea e trasmesso in diretta streaming sulla pagina Facebook “Handball Lanzara 2012”.
(Genea Lanzara)



Inserito da Golfonetwork venerdì 16 aprile 2021 alle 17:02 commenti(0) -

Nominato il nuovo Direttore Generale dell´Università di Salerno

Nominato, a seguito dell’Avviso di selezione pubblica del 15 febbraio 2021, il nuovo Direttore Generale dell’Università di Salerno. Il Consiglio di Amministrazione di Ateneo, con il parere favorevole del Senato Accademico, ha approvato - nella giornata di ieri - la proposta fatta dal Rettore Vincenzo Loia per la nomina del dott. Flavio Moretti a nuovo Direttore Generale dell’Università degli Studi di Salerno.
Flavio Moretti, romano, laureato in giurisprudenza alla Sapienza di Roma, dal 2005 è Dirigente di ruolo del Ministero della Difesa svolgendo incarichi nelle varie Direzioni del Dicastero con competenze e responsabilità nell’ambito di molteplici settori, tra i quali: affari legali, rapporti con gli organi di controllo e consultivi dello Stato, contratti, gestione della contabilità, gestione delle risorse umane, tutela della privacy, anticorruzione e trasparenza, applicazione del sistema di valutazione della performance individuale del personale, formazione, relazioni sindacali.
Il Rettore Loia ha dichiarato: “La nostra Università è un sistema in continua evoluzione. Sono convinto che la sensibilità e la grande competenza che il dott. Moretti esprime nell’ambito della funzione pubblica possano guidare il nostro Ateneo nelle sfide future ed accompagnarne al meglio il percorso di crescita”.
Il dott. Moretti, che succede al precedente Direttore Enrico Periti, entrerà in carica dal 1° giugno 2021.
(Università degli studi di Salerno)


Inserito da Golfonetwork venerdì 16 aprile 2021 alle 16:58 commenti(0) -

© Riproduzione riservata

Archivio news
Archivio news 2015-2017
Archivio news 2014
Archivio news 2013
Archivio news 2011-2013
Archivio news 2008-2011


© 2021 Golfonetwork
Per non darvi mai meno del massimo.
Chi Siamo Privacy policy Segnala Golfonetwork.it ad un tuo amico/amica